U.S. RECANATESE

Intervista ad Alessandro Leita: “Dobbiamo continuare a lavorare e credere sulle ragazze che si avvicinano al calcio”

Abbiamo intervistato ai nostri microfoni Alessandro Leita, allenatore in possesso del patentino UEFA C, al suo quinto anno in giallorosso. Alessandro è il mister dell’under 15 femminile della Recanatese. Il calcio femminile è arrivato a Recanati ormai quasi 4 anni fa, la società nel corso di questi anni ha investito nel movimento del calcio femminile e ha affidato ad un allenatore preparato come Alessandro questo progetto.

Nell’ambito del progetto femminile sono iniziati dei rapporti con alcune società professionistiche come Inter e Cesena femminile, infatti proprio lo scorso anno il gruppo delle ragazze giallorosse è stato ospite dell’Inter vivendo un’esperienza indimenticabile.

Una stagione diversa dal solito…

“Stagione particolare. C’è tanta voglia di giocare e di venire al campo, le ragazze sono sempre presenti agli allenamenti. Stiamo lavorando su tanti aspetti che magari abbiamo trascurato in passato, come ad esempio il tiro in porta, e poi tanta tecnica di base che secondo me è fondamentale sempre. Tutte le proposte sono ovviamente fatte in forma individuale. La cosa che manca di più in assoluto è il confronto, infatti ho promesso alle ragazze che quando sarà possibile faremo un mese di sole partite. Dispiace non poter disputare le gare anche perché in questa stagione si doveva giocare il torneo under 15, quindi è stato un peccato non potersi confrontare con squadre di tutta la regione”.

Le ragazze cominciano ad essere un bel numero.

“Abbiamo iniziato quasi 4 anni fa e quest’anno abbiamo superato le 20 tesserate. Un numero tale che ci permette anche di rientrare nei parametri per il riconoscimento di scuola calcio élite. Oltre alle ragazze dell’under 15 abbiamo anche altre bambine nelle altre categorie, questo ci permetterà in futuro di riuscire ad organizzare anche altre squadre al femminile e non solo l’under 15. Ogni anno, ed in modo particolare quest’anno nonostante la situazione, il numero di tesserate aumenta. Purtroppo il calcio femminile deve ancora crescere in generale e c’è ancora tanto da fare per far crescere questo movimento ma credo che la cosa migliore da fare sia continuare a lavorare e credere sulle ragazze che si affacciano al mondo del calcio”.